Shakespeare ha ambientato una delle sue opere più famose, Romeo e Giulietta, a Verona: da allora la città veneta nata sulle rive del fiume Adige è considerata la città dell’amore per eccellenza. Questa meritata nomea è legata non solo alla tragedia dello scrittore inglese, ma anche a una serie di luoghi spettacolari disseminati nel centro storico di Verona, dove si respira a pieni polmoni l’arte e la storia vissuta da questa antica città: non a caso, Verona è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Le piazze più belle di Verona

Quando si pensa a Verona la mente corre subito al suo simbolo principale, ossia l’Arena di Verona, costruita nel I d.C. nel corso del regno di Augusto utilizzando la bella pietra della Valpolicella, caratterizzata da magiche sfumature rosa e rosse. Ancora oggi l’Arena di Verona ospita eventi dal richiamo internazionali, dichiarandosi come tempio della musica lirica italiana grazie a un’acustica eccezionale.

L’Anfiteatro, il secondo più grande dopo quello di Roma e di Capua, si affaccia nella bellissima e ariosa Piazza Bra dove l’attenzione è catturata dal Liston, un lastricato marmoreo frequentato da veronesi e turisti che vi si intrattengono nei locali e nei bar qui presenti.

Da Piazza Bra si può percorrere Via Mazzini, ricca di negozi e boutique di lusso, fino a raggiungere Piazza delle Erbe, la più antica piazza di Verona e simbolo del potere della famiglia Scala. Sulla piazza si affacciano la Casa dei Giudici, la Casa dei Mercanti e le Case dei Mazzanti. Al centro di Piazza delle Erbe sorgono la fontana della Madonna di Verona, risalente al lontano 380, e una colonna sormontata dal leone simbolo della Serenissima Repubblica di Venezia.

Altrettanto spettacolare è Piazza dei Signori, occupata al centro dalla statua di Dante che, esiliato da Firenze, si rifugiò proprio a Verona: tutto intorno sorgono il Palazzo della Ragione con la facciata bicolore, il Palazzo del Capitano e la Torre dei Lamberti dal cui orologio si propagano i rintocchi delle campane su tutta Verona: dalla cima della torre si gode la vista più bella su tutta la città e su fiume Adige.

Dal centro storico ai ponti della città

Uno dei luoghi più suggestivi di Verona, celato nel cortile della Chiesa di Santa Maria Antica, è rappresentato dalle Arche Scaligere, ovvero sepolcri monumentali decorati in stile gotico con pinnacoli, guglie e statue, legati alla famiglia degli Scaligeri.

Passeggiando nel centro storico di Verona non si può non passare per la Casa di Giulietta Capuleti, protagonista della struggente storia d’amore con Romeo Montecchi: la casa si raggiunge varcando un arco recante le scritte di tutti gli innamorati che affidano la loro storia d’amore ai due giovani e sfortunati amanti. Nel cortile, al di sotto del pittoresco balconcino dal quale Giulietta si affacciava, si trova la statua in bronzo della fanciulla: la leggenda vuole che, toccando il seno della scultura, porti fortuna all’audace avventore.

Verona è attraversata dal fiume Adige, solcato da sette ponti, uno più caratteristico dell’altro e in parte ricostruiti dopo la distruzione nazista portata dai nazisti nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Il più spettacolare è il Ponte Scaligero risalente al XIV secolo e distinguibile facilmente dalle tre disuguali arcate: oltrepassando il ponte, in un’atmosfera suggestiva soprattutto di sera, sorge Castelvecchio, oggi Museo Civico di Verona e un tempo fortezza eretta per volere di Cangrande II della Scala al fine di proteggere sé stesso e la propria famiglia dai pericoli esterni, compreso lo stesso popolo di Verona.