Ferrara è una città che si differenza dai tipici comuni emiliani e romagnoli. Comunemente chiamata città delle biciclette, perché facilmente percorribile sulle due ruote, mezzo perfetto per visitare le vie del centro e i suoi nove km di mura, un tempo modello di architettura militare, oggi diventati un parco con viali alberati.

La storia della dinastia Estense, e non solo

Ferrara, da una comune cittadina medievale, è diventata una città rigogliosa grazie a una delle più importanti famiglie d’Europa: la casata d’Este, di cui ancora oggi possiamo ammirare i tanti edifici storici.

A partire dal Castello Estense, in pieno centro e divenuto simbolo della città, che risale al 1385. Nata come una fortezza per difendere la famiglia dal popolo in rivolta, si è trasformata prima nella sede dell’esercito d’Este con armeria e scuderia, per poi diventare la residenza di vita di corte.

Oggi è possibile visitare il castello e ammirare i fastosi appartamenti, le prigioni, la cappella e i giardini. Inoltre si può salire sulla Torre dei Leoni, per godere di una vista spettacolare sulla città.

castello estense ferrara
Castello Estense

Merita una visita anche il Palazzo Schifanoia, che prende il nome proprio dall’idea per cui era stato costruito: un luogo di ozio in cui schivare la noia. Il Salone dei Mesi, lungo ben 24 metri, è ricco di affreschi pagani, con i quali si celebra, attraverso la mitologia e l’astrologia, il buon governo d’Este. Oggi questa sala è visitabile, insieme ad altre dieci, tra cui la più antica risalente al 1300, così come il Museo di Arte Antica, che si trova all’interno del Palazzo.

Fatto costruire sempre dagli Estensi anche il Palazzo dei Diamanti, una struttura di fine 1400, che spicca creando giochi di luce con i suoi 8500 blocchi di marmo con striature rosate. All’interno si trova un cortile rinascimentale con pozzo e chiostro, e si può visitare la Pinacoteca Nazionale di Ferrara dove si trovano opere molto importanti. Inoltre vengono organizzate periodicamente mostre temporanee dalle Gallerie d’arte Moderna, che richiamano turisti e appassionati da tutto il mondo.

palazzo dei diamanti ferrara
Palazzo dei diamanti

Il ghetto ebraico e le sinagoghe di Ferrara

A Ferrara si può visitare anche il Ghetto ebraico che ha emarginato, dal 1627 fino all’Unità d’Italia, gli ebrei dalla città. Stupisce l’edificio, che custodisce anche il Museo ebraico, che contiene al suo interno ben tre sinagoghe differenti, ognuna per esercitare un rito specifico: oggi l’ex Tempio Tedesco viene usato per le cerimonie solenni, l’ex Tempio Italiano per conferenze e celebrazioni per la comunità, e l’Oratorio Fanese per i riti del sabato.

Ovviamente non può mancare la visita al Museo Nazionale dell’Ebraismo italiano e della Shoah, con una mostra permanente sulla storia degli ebrei italiani che nei secoli sono stati vittime di varie persecuzioni.

I monumenti e i luoghi più belli da visitare a Ferrara

Poco distante dal Castello Estense, si trova la Cattedrale di Ferrara dedicata a San Giorgio. Originariamente romanica, oggi la vediamo in stile barocco dopo l’incendio del XVII secolo, con la sua facciata in marmo bianco e il portico laterale che richiama il Giudizio Universale.

Il Museo della Cattedrale ospita molte opere d’arte del 1400, come la Madonna della Melagrana di Jacopo della Quercia, ed il campanile, incompiuto, è attribuito a Giovan Battista Alberti.

È inoltre possibile visitare il Monastero di Sant’Antonio in Polesine, accompagnati da una suora come guida, che, oltre al chiostro e alla cappella, accompagna i visitatori ad ammirare la Pala d’Altare della Flagellazione di Nicolò Roselli e gli affreschi di scuola giottesca della Chiesa.

A proposito di opere d’arte, impossibile non citare Casa Romei, un palazzo signorile del 1400 che contiene numerose opere di personaggi importanti del calibro di Donatello e Gregorio di Lorenzo.
Ma Ferrara regala emozioni anche passeggiando tra le sue famose strade, come Via delle Volte, con i suoi 2 km di ciottoli nel centro storico.

via delle volte ferrara
Via delle Volte

Nel Medioevo era la strada commerciale, oggi ospita prevalentemente abitazioni e qualche trattoria. Perfetta per le foto ricordo di questa splendida città, come la famosa Corso Ercole d’Este, l’antica Via degli Angeli, ricca di palazzi signorili, definita dall’Unesco una delle vie più belle del mondo.

Infine, per rilassarsi, il Parco Massari invita tutti, turisti e gente del luogo, nei suoi quattro ettari di assoluto relax circondati da specie curiose come il Cedro del Libano. Di fronte si trova l’Orto Botanico dell’Università di Ferrara, visitabile gratuitamente.